Sforamento valori elettrodotto San Nicolò. L’Amministrazione spegne le polemiche

Portogruaro, 29.01.2018. Tutti i dati di analisi sull’elettrodotto di Borgo San Nicolò non fanno pensare a rischi per la salute pubblica.

Qualsiasi altra informazione, a oggi, è priva di fondamento. Lo ha ribadito stamani l’Amministrazione Senatore dopo aver incontrato, giovedì scorso, alcuni Dirigenti di Terna Rete Italia S.p.A. ed il Responsabile dell’Unità Operativa Fisica Ambientale di ARPA Veneto. Quest’ultimo ha concordato con gli altri interlocutori che i valori di induzione magnetica generati dall’elettrodotto di San Nicolò rientrano ampiamente e abbondantemente nei limiti di legge. Sono di conseguenze smentite le accuse sollevate sia dal rappresentante del Gruppo per il Cambiamento, secondo il quale i valori massimi non vengono rispettati, sia dai Cinquestelle che lamentavano la mancata delimitazione delle aree pubbliche sensibili a fronte di un notevole aumento del campo elettromagnetico. Dallo stesso tavolo di discussione è stata poi confermata la disponibilità ad un continuo confronto in un’ottica di assoluta trasparenza. In tal senso Terna Rete Italia S.p.A. si è dichiarata disponibile a trasmettere all’amministrazione comunale i dati relativi alle correnti circolanti nella propria infrastruttura in occasione della prossima trasmissione degli stessi ad ARPAV. L’amministrazione, dal canto suo, continuerà ad accertare che le rilevazioni effettuate non eccedano mai i limiti di legge

error: Content is protected !!