SARA MORETTO (PD): IL TEMPIO CREMATORIO A PORTOGRUARO E’ UN SERVIZIO IN PIÙ PER IL TERRITORIO

Concordia Sagittaria,03/12/2016. Nella serata di ieri anche il Portogruarese ha visto concludersi l’estenuante campagna referendaria riguardante la riforma costituzionale.

Presso la biblioteca di Concordia Sagittaria i cittadini hanno potuto ascoltare le ragioni del sì, esposte dalla parlamentare democratica Sara Moretto, e quelle del no, illustrate dall’onorevole Arianna Spessotto (M5S). Moderatrice della serata è stata la giornalista Gemma Canzoneri. Tra i vari argomenti trattati si è parlato anche delle modifiche al titolo V della Costituzione, ossia quello che regola il rapporto tra stato centrale e autonomie locali. Secondo l’On. Spessotto se gli italiani approveranno questa riforma le Regioni a statuto ordinario vedranno perdere molte delle loro competenze che ritorneranno a Roma allargando così il già notevole divario tra le Regioni a statuto ordinario e quelle speciali (che non sono interessate alla Riforma). Ma la cosa più grave è l’introduzione della clausola di supremazia. Sulle poche materie che rimarranno di competenza regionale, lo Stato può comunque intervenire se lo ritiene necessario. Per spiegarsi la parlamentare pentastellata ha fatto un esempio: se il governo considerasse strategico dover realizzare un inceneritore o una centrale a biomasse a Portogruaro, lo potrà fare passando sopra i comitati di cittadini, che si oppongono, magari impiegando l’esercito come è successo in Val di Susa per la TAV. Poichè a Portogruaro in questo ultimo periodo si sta concretamente parlando di realizzare un tempio crematorio, ho chiesto se anche per tale opera il governo potrebbe applicare la clausola di supremazia bypassando così la volontà degli enti locali e dei cittadini. “Spero -ha detto Spessotto- che il governo non si imporrà su questioni “minimali” di questo genere, ma potrebbe succedere. Se a Roma dovessero decidere che è strategico e fondamentale per il Veneto orientale un tempio crematorio a Portogruaro, allora potrebbe far valere questa opzione. Con la clausola di supremazia non c’è limite al potere del governo che può intervenire su questioni locali.” Non la pensa così l’On. Moretto secondo la quale l’interesse nazionale non può giustificare l’imposizione di un tempio crematorio a Portogruaro. “Personalmente – ha aggiunto l’esponente dem- è opportuno riflettere nel nostro territorio su un servizio di questo genere, perché oggi chi fa questo tipo di scelta (la cremazione ndr.) è costretto ad avere dei costi maggiori oltreché delle tempistiche che portano disagio per i familiari di chi è deceduto. Quindi io penso che sia un servizio in più per il territorio senza però tralasciare tutte le garanzie e le valutazioni ambientali, ecc.. che devono essere compiute. E’ una materia su cui si dovrebbe intervenire con una legislazione.”

 

 

error: Content is protected !!