Punto nascita di Portogruaro: Il Consiglio Comunale sollecita la Regione a potenziarlo

Nella foto l’ospedale San Tommaso dei battuti a Portogruaro. Nel tondo l’On. Arianna Spessotto.

Portogruaro, 29.11.2017. Ieri sera il consiglio comunale all’unanimità ha votato un ordine del giorno per sollecitare la Regione Veneto a indire il concorso di Primario del Punto Nascita e Pediatria di Portogruaro. Inoltre si chiede che il punto nascita accolga anche le gestanti con gravidanze a partire da 34 settimane con un organico adeguato sia per quanto riguarda i medici sia per quanto riguarda le ostetriche. Il documento, presentato dal gruppo consiliare “Centrosinistra Più Avanti Insieme”, ha messo, inoltre, impietosamente alla luce la situazione non certo rosea che sta vivendo il punto nascita di Portogruaro dopo la sua riattivazione risalente a sei mesi fa. Il numero delle nascite è sconfortante (solamente 15 parti al mese) e ben al di sotto dei 500 parti all’anno. Un paio di medici ginecologi ha chiesto il trasferimento in altre sedi perché – molto probabilmente – non intravedono un futuro chiaro a Portogruaro. Il declassamento del punto nascita in classe 2 ha permesso al reparto di accogliere solo le gravidanze a termine senza poter accogliere quelle al di sotto delle 37 settimane o di programmare i parti con cesareo obbligando di fatto queste mamme a dover partorire in altri ospedali. Intanto stamani la parlamentare del M5s, Arianna Spessotto, non risparmia critiche alla gestione dell’ospedale san Tommaso dei Battuti. “La notizia della fuga imminente di due ginecologi dal reparto di Ostetricia e Ginecologia di Portogruaro non fa altro che confermare la situazione di profonda crisi del punto nascita: una situazione che è e che rimarrà critica, dal momento che si è deciso di utilizzare questa struttura, prima come specchietto per le allodole in campagna elettorale, e poi come merce di scambio, a secondo di come andranno le elezioni in Friuli dove, ricordo, è ancora sospeso il punto nascite di Latisana.” La parlamentare pentastellata, assieme alla consigliera regionale M5s Patrizia Bartelle, hanno chiesto un incontro urgente con l’assessore alla sanità, Luca Coletto, per capire se e quando la Regione intenderà colmare quelle carenze strutturali e di personale che impediscono una ripresa effettiva e a regime delle attività del reparto a Portogruaro. Anche secondo la Spessotto solo un un reparto affidabile e pienamente operativo, dotato del necessario personale medico sanitario, potrà garantire la sicurezza alle future mamme che sceglieranno Portogruaro per far nascere i propri figli.

error: Content is protected !!