Portogruaro: Sul quadro del Russolo, acquistato dal Comune, aleggiano molti dubbi

Portogruaro, 26.05.2018. Sulla presentazione di “Casa Russolo”, indetta per lunedì 28 maggio in municipio, aleggia l’interrogazione della consigliera Vittoria Pizzolitto (Centrosinistra). L’amministrazione Senatore si accinge, dopo quasi un anno dal suo annuncio, ad inaugurare lo spazio Russolo, ovvero la stanzetta al piano terra di Palazzo Altan Venanzio, che ospiterà tutte le opere, in possesso del Comune, del noto artista futurista. Tra queste è balzato agli onori delle cronache il quadro “Sera”, a lui attribuito, che il Comune ha recentemente acquisito da un privato prelevando 31 mila euro dal fondo di riserva.  L’acquisto, motivato dalla volontà politica di rilanciare Casa Russolo, è stato oggetto di un aspro dibattito nel penultimo consiglio comunale quando il consigliere Paolo Scarpa (foto a lato) chiese se il Comune, a fronte del pagamento di 31 mila euro “a sollievo delle spese di risistemazione, restauro e perizia” sostenute dal precedente proprietario del quadro, avesse le pezze giustificative. Il consigliere di maggioranza, Enrico Zanco, rispose che l’amministrazione aveva unicamente la quietanza del precedente proprietario che non poteva emettere fattura non avendo partita iva. La consigliera Pizzolitto (foto a lato), nell’interrogazione succitata, ha chiesto se non fosse il caso di avere anche le fatture per gli interventi di risistemazione, restauro e perizia del quadro che il precedente proprietario avrà senz’altro ricevuto dal restauratore. O per lo meno che il precedente proprietario fornisca, oltre alla perizia sul quadro effettuata gratuitamente dall’attuale direttore della “Galleria Comunale di Arte Contemporanea Ai Molini” di Portogruaro, ulteriore documentazione per certificare la provenienza del quadro intitolato “Sera” del 1945 di Luigi Russolo, che lo stesso dichiara di averlo a sua volta acquistato da altro privato nel 2007 per l’importo di € 39.000. La Pizzolitto chiede inoltre se non sia opportuno interpellare l’ “Archivio Luigi Russolo” del MAG di Como, dal momento che il quadro “Sera” è privo del timbro di questo Archivio che ne confermerebbe l’autenticità. Infine la stessa consigliera ci informa che nei giorni scorsi è stato battuto all’asta, per un prezzo di circa 10 mila euro, un quadro del Russolo, intitolato “In collina”, che ha dimensioni e data di realizzazione simili a quello acquistato dal Comune. 

error: Content is protected !!