Pigozzo-Zottis: Dopo tante promesse, temiamo lo smantellamento del Punto nascita di Portogruaro

Nella foto la consigliera regionale Francesca Zottis

Venezia, 25.11.2017. “La Regione crede nello sviluppo del Punto nascite di Portogruaro o è stato solo uno spot? A sei mesi dalla riapertura non è stato fatto alcun investimento nonostante le segnalazioni delle numerose carenze. Non vorremmo che dopo gli annunci si passasse a un progressivo smantellamento”. Ad affermarlo sono i consiglieri del Partito Democratico Francesca Zottis e Bruno Pigozzo che sul futuro della struttura hanno presentato un’interrogazione a risposta immediata.
Tanti punti interrogativi hanno accompagnato l’inaugurazione dello scorso maggio. Il primario designato si era dimesso denunciando la mancanza delle condizioni minime di sicurezza per mamme e bambini, anche la Cgil aveva espresso perplessità sottolineando come la veloce riapertura fosse una scelta politica. La Regione aveva replicato sdegnata promettendo investimenti e innovazioni con l’obiettivo dei 500 parti annui. Purtroppo da allora è praticamente tutto fermo: c’è ancora un primario a interim e aumentano i trasferimenti volontari in altre strutture anche perché non ci sono certezze su cosa accadrà. E il resto viene a cascata: le mamme non si fidano e preferiscono partorire altrove, rendendo una chimera i traguardi fissati dalla Giunta. Il Punto nascite è un servizio fondamentale – aggiungono i consiglieri dem – ma per funzionare deve essere di qualità. Per questo chiediamo alla Regione di effettuare gli investimenti annunciati, altrimenti lo smantellamento, per quanto tenuto sotto traccia, sarà inevitabile”.

error: Content is protected !!