La sindaco Senatore: “I valori generati dall’elettrodotto sono ben al di sotto della norma”

Nella foto il sindaco Maria Teresa Senatore e il consigliere Cinquestelle, Claudio Fagotto, che ieri aveva sollevato l’allarme sull’innalzamento dei valori dell’elettrodotto.

Portogruaro, 24.01.2018. Rientra l’allarme lanciato ieri dal M5S sul notevole aumento del campo elettromagnetico che è stato registrato per undici giorni lo scorso settembre presso Borgo San Nicolò. Il gestore dell’elettrodotto, Terna, e la sindaco di Portogruaro, Maria Teresa Senatore, hanno rassicurato che i limiti di legge sono stati rispettati. Non c’è nessun pericolo per la popolazione. A renderlo noto è stato oggi il Gazzettino citando due note distinte diffuse una da Terna e l’altra dall’amministrazione comunale. Quest’ultima non compare né sul sito internet né sulla pagina facebook del Comune di Portogruaro avvalorando così quanto asserito non solo dalla minoranza consiliare, ma anche dai consiglieri di maggioranza Cristian Moro ed Enrico Zanco: l’amministrazione comunale è carente nella comunicazione verso i cittadini (*). Non si comprende a cosa sia servito aver fatto il restyling del sito del Comune, aver dotato lo stesso di un’App e aver nominato recentemente un addetto stampa, se poi le notizie le veniamo a sapere, quando va bene, solo dai giornali. Tornando al problema elettrodotto, la sindaco ha dichiarato alla giornalista del Gazzettino che «il monitoraggio attuato con il supporto di Arpav ha riportato valori che si sono sempre mantenuti abbondantemente al di sotto non solo del valore normativo di 10 microTesla ma anche dei 3 microTesla che la norma assume quale limite a rispetto del principio di precauzione per i nuovi impianti. Il Comune continuerà comunque il monitoraggio, svolto dalla Sinpro Ambiente, ed ha chiesto i dati aggiornati ad Arpav. Abbiamo tenuto un continuo confronto, anche di carattere giuridico-legale, con il soggetto proprietario del bene e abbiamo diffidato il gestore ad avere tempestivamente la disponibilità dei dati relativi ai valori di induzione magnetica generati dall’elettrodotto. Anche sul piano della difesa giudiziale del Comune, il problema è costantemente presidiato e laddove venissero riscontrate condotte non rispondenti alla disposizioni normative,-conclude il sindaco – il Comune non esiterà ad agire a presidio dell’interesse pubblico». Guarda caso domani, ovvero dopo il polverone sollevato dal M5S, si terrà un ulteriore incontro tra l’amministrazione e i referenti di Terna.

(*)Nella tarda mattinata di oggi, dopo che avevo pubblicato l’articolo soprastante, è apparsa sul sito internet del Comune, con data di pubblicazione retrodatata al 23 gennaio, la nota dell’amministrazione comunale in merito all’innalzamento dei valori dell’elettrodotto. A parziale giustificazione del ritardo con cui è stato pubblicato questo comunicato stampa occorre dire che per l’intera giornata di ieri il sito internet del Comune è stato oggetto di manutenzione. Ciò non toglie che il comunicato, inviato tempestivamente agli organi di stampa già ieri in modo che potesse essere pubblicato stamani sui quotidiani, poteva già ieri essere inserito nella pagina Facebook del Comune che non era interessata ad alcuna operazione di manutenzione.

error: Content is protected !!