Borgo San Giovanni. Mercoledì 23 maggio inizieranno i lavori della rotatoria

Portogruaro, 21.05.2018. Inizieranno mercoledì mattina i lavori per la sistemazione e messa in sicurezza dell’intersezione a raso tra la via d’accesso a Borgo San Giovanni, via Fondaco, via Bon e via Manin. Fuori dalla terminologia burocratica, usata spesso dall’amministrazione comunale, stiamo parlando della rotatoria che sorgerà davanti all’ingresso di Borgo San Giovanni. Si tratta di un’opera pubblica approvata dal consiglio comunale nel settembre 2016, sì avete letto bene settembre 2016, con i soli voti della maggioranza. Contraria tutta l’opposizione (Centrosinistra, M5s e Gruppo Misto), perché la ritiene una scelta inutile e assai costosa. Di diverso avviso, ovviamente, la maggioranza secondo la quale la nuova rotatoria agevolerà l’ingresso in centro storico delle auto, soprattutto di quelle provenienti dalla rotatoria di Sant’Agnese che, con la viabilità attuale, rimangono a lungo bloccate in centro strada quando devono svoltare a sinistra verso Borgo San Giovanni. Uno dei “pallini” dell’amministrazione Senatore, in contrasto con la tendenza di rendere più a misura d’uomo i centri storici, è la volontà di agevolare l’ingresso delle auto in Corso Martiri nella convinzione – tutta da dimostrare – che più aumentano i transiti più si incrementa il giro di affari dei commercianti. Insomma una visione politica del centro storico che mette l’aspetto economico in cima a tutto il resto (inquinamento dell’aria, acustico, ecc..). Durante il consiglio comunale del 6 settembre 2016, un rappresentante della maggioranza, Enrico Zanco (Forza Italia), evidenziò come la nuova rotatoria “andrebbe a completare tutto il ring di Portogruaro e permetterebbe una maggior scorrevolezza del traffico.” Su quest’ultimo aspetto intervenne l’assessore ai lavori pubblici, Angelo Morsanuto (foto a lato), mostrandosi più cauto: “la rotatoria non può essere l’intervento che risolve tutti i problemi del traffico.” Uno di questi è rappresentato dal passaggio dei pedoni e delle biciclette sulle strisce ciclo-pedonali davanti al ristorante Pilsen che, soprattutto al mattino e nella giornata di mercato, bloccano ripetutamente il traffico causando lunghe code. Tale passaggio sarà mantenuto anche dopo la realizzazione della rotatoria per cui non si comprende come possa l’assessore affermare, sulla Nuova Venezia del 17 maggio 2018, che con la nuova opera viaria «risolveremo i problemi di traffico sull’asse della Triestina». Più che un’affermazione direi si tratta di una sopravvalutazione per convincere i cittadini della utilità del loro progetto. Ad aggiudicarsi la gara d’appalto della rotatoria è stata la ditta Battistella SPA di Pasiano con il ribasso del 12,02% sull’importo posto a base d’asta di circa 250 mila euro. Il ribasso ha comportato un risparmio di circa 30 mila euro. Ma ai portogruaresi interesserà maggiormente sapere per quanto tempo rimarrà aperto il cantiere lavori in un punto nevralgico della viabilità cittadina. Ebbene nel capitolato d’appalto è fissato in 150 giorni (ovvero 5 mesi) il tempio utile che la ditta ha a disposizione per ultimare i lavori. Quindi per tutta l’estate dovremo rassegnarci agli inevitabili disagi alla viabilità con code di auto che si snoderanno dalla rotatoria di Sant’Agnese a quella di viale Trieste. Non la pensa così l’assessore ai lavori pubblici, Angelo Morsanuto, che – su La Nuova Venezia di qualche giorno fa– ha dichiarato: «Non ci sarà alcun problema, abbiamo studiato attentamente il progetto, e siamo convinti non si verificheranno rallentamenti. Quelli, semmai, si presenteranno quando lavoreremo sulla nuova pavimentazione stradale». Intanto quest’oggi l’amministrazione comunale ha finalmente annunciato sul proprio sito web, anche se non nella home page, l’avvio dei lavori della rotatoria per mercoledì prossimo, 24 maggio. In realtà mercoledì prossimo cade il 23 e non il 24 di maggio. Probabilmente la fretta nello scrivere il comunicato deve aver prodotto questo refuso.

“In questa prima fase – si legge nel comunicato – i lavori previsti non saranno invasivi ma comporteranno un’occupazione parziale della carreggiata in corrispondenza della confluenza di via Fondaco su via Manin con il relativo divieto di sosta in tale ambito. Questo primo intervento si concluderà, tempo permettendo, nella mattinata di venerdì 25 maggio con la posa di manufatti cosiddetti “Jersey” e fino al 1° luglio successivo durerà il periodo di attivazione preliminare. Durante la fase di predisposizione delle strutture temporanee della rotatoria, la viabilità sarà gestita dalla Polizia Locale con l’ausilio di movieri di provata capacità ed esperienza che con la loro costante presenza garantiranno l’espletamento dei lavori in massima sicurezza.”

 

 

error: Content is protected !!