Questo sito utilizza cookies (anche di terze parti) per un miglior funzionamento.

Se continuate la navigazione accettate l’uso di cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Testo informativa estesa sull'uso dei cookie.

Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie di "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

 

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie si possono distinguere diverse categorie:

- Cookie tecnici.

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web; cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l'installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l'obbligo di dare l'informativa ai sensi dell'art. 13 del Codice, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

- Cookie di profilazione.

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell'ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l'utente debba essere adeguatamente informato sull'uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l'art. 122 del Codice laddove prevede che "l'archiviazione delle informazioni nell'apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l'accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l'utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all'articolo 13, comma 3" (art. 122, comma 1, del Codice). Il presente sito non utilizza cookie di profilazione.

 

Cookie di "terze parti"

Visitando il presente sito web si potrebbero ricevere cookie da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" come Facebook oppure sistemi di visualizzazione di contenuti multimediali embedded (integrati) come ad esempio Youtube e Bambuser. Si tratta di parti generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina web del sito ospitante visitato. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da "terze parti" è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ 
Youtube\Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/                                                                                                                              Bambuser informativa: https://bambuser.com/privacy

 

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione dell'eventuale comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente. Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Gestione dei cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. 
Attenzione: con la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici potrebbe compromettere l'utilizzo ottimale del sito. 
La disabilitazione dei cookie "terze parti" non pregiudica in alcun modo la navigabilità.
L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie "proprietari" e per quelli di "terze parti". A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione. In internet è facilmente reperibile la documentazione su come impostare le regole di gestione dei cookies per il proprio browser, a titolo di esempio si riportano alcuni indirizzi relativi ai principali browser: 

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it 
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie 
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9 
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html 
Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

Rinvio mozione salvaguardia Ospedale di Portogruaro. Terenzi: “Se il centrodestra non la riproporrà , lo faremo noi”

Portogruaro, 12/11/2017. Il capogruppo del Centrosinistra, Marco Terenzi, ha dichiarato, a margine della conferenza stampa di ieri, che è certamente intenzione del suo gruppo riprendere in mano l’iniziativa sulla salvaguardia della sanità locale qualora la maggioranza voglia lasciare nel cassetto la propria mozione sulla realtà ospedaliera del Veneto orientale.

Quest’ultima era stata illustrata dalla capogruppo della Lega, Alessandra Zanutto, nel consiglio comunale del 3 ottobre scorso, ma era stata poi ritirata perché il documento era stato giudicato irricevibile dalla minoranza. I proponenti avevano accolto il suggerimento del presidente del consiglio, Gastone Mascarin, di ripresentare il documento opportunamente emendato alla successiva assise in modo da addivenire ad un’approvazione condivisa. Se fosse stata messa ai voti in quella seduta ottombrina sarebbe stata comunque approvata (visto che la maggioranza ha i numeri seppure risicati), ma senza i voti della minoranza. Ciò non avrebbe dato un segno di compattezza e uniformità di tutto il consiglio comunale, bensì un segnale di debolezza all'esterno. In particolare di fronte a quelle realtà istituzionali del Veneto orientale (dal vicegovernatore della Regione, Gianluca Forcolin al sindaco di Fossalta di Piave, Massimo Sensini, entrambi della Lega) che da tempo premono insistentemente per la realizzazione dell’ospedale unico. Proprio per bloccare queste aspirazioni, nella mozione del centrodestra si legge che “è importante reinvestire sui nosocomi esistenti (Portogruaro, San Donà di Piave e Jesolo) in modo da avere per l’intero Veneto orientale ospedali di alto livello tecnologico ancora più fortemente attrattivi.” Ed ancora: “Da quando è stato riattivato l’ospedale di Portogruaro, dopo il superamento delle iniziative assurde precedentemente attivate, si sta assistendo ad un progressivo riutilizzo del nostro nosocomio, riducendosi così le fughe extraregionali”. Quest’ultimo passaggio è assai singolare in quanto chi lo legge è indotto a pensare che l’intero ospedale San Tommaso dei Battuti era stato disattivato in passato mentre è vero solo per quanto concerne il suo punto nascite che è rimasto chiuso per ben due anni. Le assurde iniziative, che avrebbero minacciato la salvaguardia dell’ospedale di Portogruaro con la realizzazione del nuovo nosocomio, non possono che derivare dalla Regione Veneto e dal suo presidente, Luca Zaia, in quanto è in capo a loro la gestione della sanità regionale. Non certo al sindaco di Portogruaro o ai suoi colleghi del Veneto orientale che non ne hanno la competenza né dovrebbero essere interpellati su dove ubicare, qualora la si voglia fare, la nuova struttura ospedaliera. Chiederlo a loro equivale a lanciare il pomo della discordia all’interno della conferenza dei sindaci del Veneto orientale con effetti nefasti facilmente immaginabili. Nella mozione si elogia, inoltre, il presidente Zaia per la sua scelta lungimirante nell’aver voluto fortemente un coordinamento ospedaliero su due poli, come l’attuale, andando anche a definire l’importante realtà sanitaria riabilitativa di Jesolo. E’ incredibile come qualcuno si sia già dimenticato che la Regione Veneto si è spesa, negli anni passati, per l’esatto contrario. Ricordo, solo per fare un esempio, un incontro organizzato a Portogruaro dall’allora assessore regionale, Daniele Stival, che si sforzava di convincere la platea, con l’aiuto dei dirigenti dell’Ulss 10, della opportunità di realizzare un ospedale unico nel Veneto orientale. Ora capite perché la minoranza consiliare non ha potuto approvare una simile mozione. Terenzi, su mia precisa domanda, ha detto che ad oggi “non ha ricevuto alcuna bozza né un invito a concertare con i capigruppo una nuova mozione.” Il timore è che la questione sia stata messa in un cassetto. Nel caso in cui tardasse l’iniziativa da parte del centrodestra, Terenzi ha assicurato che "il suo gruppo riprenderà certamente in mano la questione anche alla luce del recente sciopero dei medici di base che ha detto delle cose molto chiare: c’è una forte preoccupazione in loro, che sono operatori della sanità, e nei cittadini, perché la Regione Veneto non ha ancora attivato i servizi territoriali. “Noi -ha concluso Terenzi - abbiamo la necessità di non parlare con vuote parole, ma abbiamo la necessità di far sì che i sevizi territoriali ci siano e siano messi in rete. Gli stessi devono incontrare i bisogni dei pazienti con cronicità. L’ospedale deve essere sempre di più un ospedale specializzato che risponda alla fase acuta.”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Facebook

IL BLOG DI STEFANO ZANET

stefano zanet blogger

Visitatori del nostro blog

< >
OGGIOGGI928
IERIIERI1765
QUESTA SETTIMANAQUESTA SETTIMANA10024
QUESTO MESE QUESTO MESE 33523
UTENTI COLLEGATI ORA 53
< >